30 Marzo 2020:

In occasione della Terza Conferenza Nazionale organizzata in streaming da IBIMI, Capitolo Italiano di buildingSMART International, si sono svolti eccezionalmente “a porte aperte” e in modalità webinar i quattro workshop di approfondimento pensati attorno ai quattro ambiti disciplinari e processi del BIM: produttivo, gestionale, strumentale e formativo.

I 4 workshop si sono svolti in maniera simultanea all’interno di web room sapientemente guidate da un relatore ciascuna.

I partecipanti all’evento hanno raggiunto le 300 iscrizioni, a testimonianza del fatto che il futuro della digitalizzazione nel settore delle costruzioni e della progettazione raccoglie un pubblico sempre più vasto, entusiasta e multidisciplinare.

Decisamente ottimo l’esito dell’evento che, seppur in modalità remota, non ha impedito uno scambio attivo e un confronto proficuo tra i partecipanti. Molte le manifestazioni di apprezzamento per le presentazioni dei relatori ed i diversi temi trattati durante la giornata dimostrando come l’approccio aperto e multidisciplinare incoraggiato da IBIMI – bS Italia garantisca partecipazione e condivisione proficua di competenze.

Una menzione speciale va anche al Vicepresidente IBIMI Lorenzo Nissim, che ha saputo riorganizzare tempestivamente l’evento in forma webinar totalmente gratuita, coordinare i diversi tavoli di confronto durante i workshop e offrire una panoramica completa ed efficace dei principali temi emersi.

Il Processo Produttivo ha visto sotto la conduzione di Andrea Ferrara, MUSA, gli interventi

  • Andrea Ferrara, MUSA progetti che ha trattato molteplici casistiche derivanti dall’utilizzo di un approccio interoperabile nella progettazione BIM. Registrazione | Slide
  • Hilario Bourg, Graphisoft che ha presentato un esempio pratico di flusso di lavoro BCF. Il Focus è stato posto su come gestire l’interscambio collaborativo all’interno di una commessa BIM. Registrazione | Slide
  • Riccardo Pagani, BIMon, che ha raccontato come BIMon nell’ultimo anno ha lavorato alla data analysis e system integration tra modelli BIM prodotti con software diversi, con l’obiettivo di garantire un approccio davvero interoperabile alla progettazione BIM. Registrazione | Slide

 

Slide estratta dalla presentazione di Riccardo Pagani, BIMon
  • Flavio Andreatta, managing director ALLPLAN Italia, ha condiviso la sua esperienza nell’utilizzo di strumenti software volti all’interoperabilità nello sviluppo di progetti. Registrazione | Slide
  • Giulia Scafetti, MASI, ha portato all’attenzione le problematiche riscontrate nella modellazione ed esportazione in IFC di un ponte stradale, quale esempio di geometria complessa strutturale. Registrazione | Slide
  • Andrea Aiello, ACCA SOFTWARE, ha presentato usBIM.editor come nuovo prodotto ACCA dedicato all’utilizzo di IFC. Registrazione | Slide
  • Davide Tommasi, ETS, ha condiviso con il pubblico i vantaggi derivanti dall’utilizzo dell’information modeling nella gestione di processi complessi. Registrazione | Slide

Per il Processo Produttivo sono state offerte inoltre le presentazioni, coordinate dall’Università Federico II di Napoli, con focus sul costruito di:

Slide estratta dalla presentazione di Roberto Minnucci
  • Federico Foria, ETS, ha portato l’esperienza delle indagini ed analisi svolte per aumentare il livello di conoscenza sullo stato di fatto del costruito, in particolare il case study è stato il centro Polifunzionale Ciro Colonna. Registrazione | Slide
  • Ilaria Pezzano e Lucia Sirica, Architetti di Federico II UNINA , hanno presentato il lavoro svolto come tesi di laurea volto all’utilizzo del BIM per definire la diversa destinazione d’uso di un edificio scolastico. Registrazione | Slide
  • Ruggero Nissim, Università la Sapienza, ha portato come contributo la sua tesi di laurea sull’utilizzo del modello BIM per la simulazione del comportamento energetico, nel progetto MASI del centro Polifunzionale Ciro Colonna. Registrazione | Slide
  • Elena Gigliardelli, Architetto del CNR, ha portato come contributo l’interessante esempio del progetto europeo BEEP come applicazione del BIM finalizzato all’efficientamento energetico del costruito storico pubblico. Registrazione | Slide

Il Processo Strumentale, sotto il coordinamento dell’UniPd per mano di Paolo Borin, ha avuto i contributi di:

  • Rachele Angela Bernardello, ICEA UniPd, che all’interno del progetto IFC Bridge, capitolo italiano, ha approfondito le casistiche esaminate per i ponti in struttura mista acciaio calcestruzzo. Registrazione | Slide
  • Paolo Borin, PhD ICEA UniPd, ha introdotto l’utilizzo dell’IFC per lo scambio informativo dei progetti infrastrutturali. Registrazione | Slide
  • Davide Tommasi, ETS, ha condiviso l’esperienza che ha visto coinvolta la stessa ETS nel progetto IFC Bridge Italia nella modellizzazione di ponti esistenti in muratura. Registrazione | Slide
  • Giovanni Giacomello, ICEA UniPd, ha saputo illustrare il quadro normativo esistente attorno alla gestione delle infrastrutture stradali e ferroviarie. Registrazione | Slide
  • Mariano Angelo Zanini, ICEA UniPd, sempre in ambito di gestione ponti e viadotti ha presentato l’utilizzo di Bridge Management System. Registrazione | Slide
  • Evandro Alfieri, Engisis Srl , che ha presentato il nuovo candidate standard armonizzato per ponti, strade, ferrovie ed aeroporti (IFC 4.3). Registrazione | Slide
Esempio della nuova struttura spaziale dello standard IFC 4.3 – Evandro Alfieri
  • Dorian Gazulli, Lombardi Ingegneria, che ha portato come esperienza del gruppo il tema della Progettazione BIM-based di infrastrutture lineari e puntuali. Registrazione | Slide
  • Paolo Segala, CEO CSPfea, che ha illustrato i progressi e le attuali sfide nella definizione di modelli digitali per il calcolo strutturale nel progetto di ponti e viadotti. Registrazione | Slide
  • Michelangelo Cianciulli, ACCA SOFTWARE, che ha presentato i processi legati all’implementazione Software per il progetto in cui sono coinvolti, IFC Rail. Registrazione | Slide
  • Mauro Coletto, Presidente Sierrasoft, che ha offerto una panoramica dei formati di scambio aperto per la modellazione delle infrastrutture stradali. Registrazione | Slide

Per il Processo Gestionale si è infine svolta una sessione dedicata curata da Xenia Fiorentini (Engisis Srl) che,  insieme ad alcune tra le più grandi stazioni appaltanti del Paese, ha esplorato le sfide che si prospettano per i committenti nel loro percorso verso l’adozione del BIM, e anche dell’OpenBIM.

Slide estratta dalla presentazione di Xenia Fiorentini sulla sfida dell’OpenBIM per i committenti

 

L’appuntamento con la Quarta Conferenza Nazionale IBIMI è dunque per Marzo 2021, ma nel frattempo non mancheranno eventi più specifici di cui seguirà comunicazione sul sito ibimi.it e buildingsmartitalia.org, oltre che sui principali canali social dell’Associazione.

 

Ringraziamenti

Ringraziamenti particolari agli sponsor Global Power Service e CSPfea, alle istituzioni CNA, AGID, CNR e Regione Lazio cha hanno patrocinato l’evento; ai Communication e ai Media partner; ai soci Liliana Bonfiglio e Danilo Camerini cha hanno contribuito all’organizzazione dell’evento; a Caterina Nissim e Mara Passuello che ne hanno curato la comunicazione.