Home Soci Ordinari Salvatore Collura

Salvatore Collura

565
0

Sono un dinamico progettista palermitano, classe 1989, appassionato di arti marziali, tecnologia ed edilizia.

Nel 2015 conseguo la laurea con lode in Ingegneria Edile – Architettura presso l’Università degli Studi di Palermo, sviluppando una tesi multidisciplinare «Linee guida per il recupero e la valorizzazione del centro storico di Modica».

Percependone l’efficacia, nel 2016 mi avvicino al mondo del Building Information Modelling tramite dei corsi specializzanti e una Masterclass presso enti formatori di Palermo e Milano, Eureka Engineering e Cadadacemy, acquisendo padronanza e certificazioni in ambiti specifici. Tutto ciò che imparavo intanto veniva testato e messo in pratica durante l’attività professionale da ingegnere.

Ad inizio 2017 mi accoglie ETS, società di ingegneria civile di Latina, dandomi il compito (insieme ad un collega) di integrare l’approccio BIM all’interno del suo Workflow esistente consolidato.

Nel contempo la società dispone diversi BIM Training con Systema, società di BIM Consulting, per affiancare il processo di integrazione.

Durante tale processo, inevitabilmente acquisisco il know-how di ETS, occupandomi quindi anche della progettazione esecutiva in ambito ferroviario, tramite approccio BIM e non.

Più avanti mi viene affidata la gestione di alcune Commesse e nel 2018 ETS mi permette di arricchire le mie competenze gestionali tramite corsi specifici sul Project Management, campo che ha suscitato subito il mio interesse, soprattutto in ottica di integrazione col BIM Management.

Attualmente gestisco diverse Commesse relative al Restyling delle stazioni ferroviarie, gestisco dei team di progetto, la Base Dati (Nuvole di Punti, Modelli di Coordinamento, Strutture di Progetto, ACDat, Contenuti Informativi…) e mi occupo anche in prima persona della progettazione esecutiva e della modellazione parametrica.

Credo fermamente in un approccio integrato, nell’importanza dell’aggiornamento continuo, nella collaborazione e condivisione dati tra Stakeholders e soprattutto credo che ogni progetto necessiti di un Workflow “personale” (o calzante), per raggiungere l’obiettivo primario del BIM: la disponibilità e condivisione dell’informazione.