Home Blog Grandi opere e BIM: Stazione per treno alta velocità Hong Kong

Grandi opere e BIM: Stazione per treno alta velocità Hong Kong

1291
0

terminus

La costruzione del link ferroviario ad alta velocità collegherà Hong Kong con Shenzhen per connettersi poi con il sistema ferroviario continentale.

Verrà costruita una nuova stazione a nord di Hong Kong del distretto culturale di West Kowloon e sarà collegata alla stazione di Austin e alla stazione di Kowloon da passerelle e sottopassaggi.

Express Rail Link, questo il nome della linea ferroviaria, è previsto per trasportare circa 99.000 passeggeri al giorno. Il percorso di viaggio fino a Shenzhen è di circa 26 km e permetterà una velocità massima in esercizio di 200 km/h. La frequenza dei treni sarà di almeno uno ogni 3 minuti ed in 15 minuti si arriverà a Shenzhen, in Cina.

L’ultima stima di costo del progetto? 85,3 miliardi di Dollari di Hong Kong, cioè circa 10,4 miliardi di Euro. Completamento dei lavori previsto per il terzo trimestre del 2018.

L’MTR Corporation, il cui principale azionista è il governo di Hong Kong, ha già applicato il BIM in numerosi progetti. L’ MTR terminus-2Corporation, per questo progetto di cui stiamo parlando, ha richiesto ad entrambi, consulenti e appaltatori, di presentare gli elaborati in formato BIM, che devono necessariamente conformarsi agli Standard BIM ed ai relativi livelli di dettaglio scelti da MTR.

L’MTR Corporation, l’Hong Kong Housing Authority, e l’Aeroport Authority Hong Kong hanno già adottato il BIM e si stanno muovendo in avanti a ritmo sostenuto. Iniziano nel 2009 ad utilizzare il Building Inforamtion Modelling per alcuni progetti di opere pubbliche. Sulla base di questa esperienza, hanno scelto ulteriori progetti che utilizzassero il BIM nelle diverse fasi dei lavori. Ora stanno esplorando l’uso del BIM anche per la gestione del bene.

Il Dipartimento governativo per l’edilizia ha da poco completato uno studio intitolato “Studio di fattibilità sulla realizzazione di un sistema elettronico per la presentazione dei progetti edili”. Il risultato è una serie di direttive secondo le quali il dipartimento all’edilizia dovrebbe sviluppare uno standard e formare adeguatamente tutto il personale per poi procedere all’implementazione di un sistema elettronico che accetti le richieste di approvazione per i progetti edili in formato BIM.