Home Blog Pubblica Amministrazione e spinta al BIM: il caso USA

Pubblica Amministrazione e spinta al BIM: il caso USA

1247
0

Il settore pubblico svolge un ruolo fondamentale nel guidare l’industria verso l’adozione del BIM. Negli ultimi anni, le implementazioni BIM continuano ad aumentare intensamente e sempre più enti governativi e organizzazioni non-profit di diversi paesi del mondo implementato BIM nei loro progetti fornendo diversi standard e soluzioni BIM. In 4 articoli passeremo in rassegna le esperienze più significative da tutto il mondo.

I prossimi post sono un estratto della pubblicazione “A REVIEW OF THE EFFORTS AND ROLES OF THE PUBLIC SECTOR FOR BIM ADOPTION WORLDWIDE” apparsa nel  Journal of Information Technology in Construction, scritta da Jack C.P. Cheng e Qiqi Lu M.Phil del Department of Civil and Environmental Engineering, The Hong Kong University of Science and Technology. Lo studio si basa sulla raccolta di informazioni riguardante 14 paesi / aree. Questi paesi / aree sono state selezionate perché il settore pubblico ha dimostrato un notevole impegno nel promuovere l’adozione del BIM.

Questi paesi sono stati ulteriormente raggruppati in quattro regioni, che sono gli Stati Uniti, Europa, Asia e Australasia. In ogni regione, è stata effettuata un’analisi del settore pubblico nei diversi paesi per l’adozione BIM. Discussione e proposte dei loro sforzi sono stati fatti sulla base dei risultati delle analisi e li pubblicheremo in un ultimo post. Gli sforzi dei paesi sono stati riassunti e confrontati su tre aspetti principali: (1) gli obiettivi BIM e le promesse fatte dal settore pubblico, (2) le implementazioni BIM come la creazione di programmi BIM e comitati, organizzazione di forum BIM, e l’esecuzione di progetti pilota BIM, e (3) gli standard BIM sviluppati dal settore pubblico. Secondo questi standard BIM, vengono individuati quattro principali tipi di contenuti di tali standard BIM. Essi sono (1) Piano di esecuzione del progetto (PEP), (2) Metodologia di Modellazione, (3) Livelli di dettaglio (Lods, tra cui il livello di sviluppo), e (4) Componenti, stile di presentazione e organizzazione dei dati.

Oggi parleremo della situazione degli Stati Uniti d’America.

SFORZI DEL SETTORE PUBBLICO PER L’ADOZIONE BIM NEGLI STATI UNITI

USA_Logo

Obiettivi BIM negli Stati Uniti

Gli Stati Uniti sono uno dei paesi all’avanguardia per la tecnologia BIM ed è attualmente il più grande produttore e consumatore di prodotti BIM. La più grande differenza nell’adozione BIM tra gli Stati Uniti e gli altri paesi è che negli USA, tutti i diversi livelli del settore pubblico, dalle organizzazioni nazionali alle università pubbliche, contribuiscono alla realizzazione BIM.

Nel 2006, gli Stati Uniti la Army Corps of Engineers (USACE) ha pubblicato una tabella di marcia per supportare l’attuazione delle ristrutturazioni ed nuovi progetti per opere civili all’interno della Army Corps of Engineers, in quella pubblicazione la USACE ha annunciato di voler essere il leader nell’utilizzo del BIM e ha definito sei obiettivi per l’attuazione BIM. Nel 2007, la General Services Administration ha fissato l’obiettivo di richiedere file BIM IFC sui progetti FY07 per migliorare la qualità di progettazione e la consegna della costruzione. Fu la prima volta che un’organizzazione dichiarò  pubblicamente un cambiamento così innovativo da applicare su scala di progetto. Anche il Dipartimento dell’energia degli Stati Uniti of Veterans Affairs fece un mandato BIM per tutti i principali progetti di costruzione e ristrutturazione (oltre $ 10M), a partire dal 2009.

Non solo le organizzazioni nazionali governative degli Stati Uniti hanno messo obiettivi BIM , ma anche le università pubbliche richiedono l’applicazione BIM sui loro progetti in tutto il campus. Nel luglio del 2009, per esempio, lo stato del Wisconsin ha pubblicato delle linee guida rivolte alle imprese di progettazione che richiedono l’uso del BIM su tutti i progetti per un totale di più di $ 5 milioni e per i nuovi progetti di costruzione di più di $ 2,5 milioni. Per un altro esempio, l’Indiana University richiede il BIM su tutti i progetti di costruzione con un finanziamento totale del progetto di $ 5M o superiore.

Attuazione BIM negli Stati Uniti

Oltre alla definizione degli obiettivi BIM, il settore pubblico negli Stati Uniti ha lanciato programmi BIM, comitati BIM, e ha tenuto varie conferenze BIM e corsi di formazione. Già nel 2003, il GSA Edifici pubblici Service (PBS) Ufficio del Chief Architect (OCA) ha istituito il Programma Nazionale 3D-4D-BIM. Hanno implementato il BIM in oltre 200 progetti attivi per il programma, che sono stati valutati a oltre $ 12Miliardi. Con il sostegno di leader tecnologici del settore, la squadra GSA BIM ha redatto otto Guide BIM negli ultimi dieci anni. Il successo che GSA ha ottenuto nell’implementare il BIM fino ad ora potrebbe essere una tabella di marcia per le altre associazioni di imprenditori del paese e anche del mondo.

L’USACE ha aggiornato la tabella di marcia originale pubblicata nel 2006 e ufficialmente ha rilasciato una nuova tabella di marcia per Lifecycle BIM nel 2012 per uso BIM nei progetti di costruzione e opere civili militari. USACE ha anche finanziato direttamente un CAD / BIM Technology Center che è un centro di ricerca e sviluppo con l’obiettivo di esplorare nuove tecnologie CAD e BIM e fornire una formazione BIM all’interno del Dipartimento della Difesa statunitense (DoD). Istituto Nazionale di Scienze delle costruzioni (NIBS) ha istituito il comitato di progetto NBIMS-USTM per sviluppare gli standard nazionali BIM e per discutere la possibilità di incorporare il BIM nei programmi di studio universitari. Nei primi mesi del 2014, ha presentato il suo primo corso NIBS – “Introduzione di Cobie” – appena lanciato dall’Accademia delle Scienze di Costruzione online dell’Istituto.

BIM Standard e linee guida negli Stati Uniti

Diversi livelli del settore pubblico degli Stati Uniti hanno rilasciato standard BIM per attuare efficacemente il BIM. Al 2015, 47 standard BIM sono stati sviluppati dal settore pubblico negli Stati Uniti e sono disponibili pubblicamente. Tra questi, 17 provengono da enti governativi, mentre 30 sono da organizzazioni no-profit. La maggior parte delle norme coprono il piano esecutivo, la metodologia di modellazione, e la presentazione e organizzazione dei dati. Il grande divario cade nella categorizzazione dei LODS. Circa la metà degli standard non forniscono informazioni dettagliate su quanto scala grafica ogni modello deve soddisfare. Inoltre, alcuni degli standard, come quelle rilasciato dalla Pennsylvania State, contengono tutti questi quattro tipi di informazioni. Quanto segue contiene una descrizione dettagliata circa gli standard BIM elaborati negli Stati Uniti. Per non appesantire il post ci concentreremo solo sulle agenzie nazionali. Nell’articolo originale l’analisi prosegue sui diversi livelli del settore pubblico – a livello nazionale, a livello statale, a livello di città, e il livello di università pubblica.

BIM Standard pubblici nazionali / Linee guida

Tra i 47 standard BIM negli Stati Uniti, 24 sono stati sviluppati da organismi pubblici nazionali che hanno pubblicato standard BIM.

(1) The United State General Services Administration (GSA)

GSAAgenzia indipendente del governo degli Stati Uniti, viene fondata nel 1949 per aiutare a gestire e sostenere il funzionamento di base delle agenzie federali. Il GSA fornisce prodotti e comunicazione per gli uffici governativi degli Stati Uniti, prevede il trasporto e gli spazi per uffici dei dipendenti federali, e sviluppa politiche di minimizzazione di costo a livello di governo, e di altre attività di gestione come programmazione della manutenzione.

GSA ospita il Programma Nazionale di 3D-4D-BIM. Al fine di fornire un buon supporto al suo programma, GSA si è impegnata a pubblicare otto BIM Guide fin dal 2007. Ogni serie della guida BIM è autonoma, ma correlata. Ad oggi hanno pubblicato le prime sei Serie della Guida BIM. Serie 06 – Circolazione Convalida protezione (GSA, 2007c) e Serie 07 – Costruzione Elementi (GSA, 2010) sono ancora in fase di revisione e commento pubblica.

Le sei serie che sono stati pubblicate:

Serie 01 (Panoramica) è destinato agli stakeholder di GSA impegnati in pratiche BIM per la progettazione di progetti GSA. Si tratta di un documento introduttivo che serve come base per supportare la tecnologia BIM.

Serie 02 (Spatial Validation Program) descrive gli strumenti, i processi e i requisiti per utilizzare efficacemente le tecnologie BIM.

Serie 03 (imaging 3D) contiene tre sezioni e fornisce le linee guida per la sollecitazione di servizi di imaging 3D e criteri di valutazione.

Serie 04 (4D Phasing) introduce gli strumenti ei processi per studiare come le informazioni relative al tempo influenzeranno lo sviluppo dei progetti e i potenziali benefici della modellazione 4D.

Serie 05 (Energy Performance and Operations v1.0) discute il BIM per la modellazione energetica nella progettazione, costruzione e durante le operazioni.

Serie 08 fornisce indicazioni per l’applicazione del BIM per il facility management e stabilisce i requisiti tecnici minimi che i modelli BIM dovrebbe soddisfare.

(2) The United States National Institute of Building Sciences (NIBS)NIBS_Logo

Il NIBS ha pubblicato il National Building Information Modeling standard (NBIMS-USTM) Versione 1.0 – Parte 1: Panoramica, Principi e Metodologie nel 2007 ed è una descrizione concettuale della norma generale, delle metodologie di sviluppo, e la destinazione d’uso. E ‘solo un documento guida che è seguito da norme specifiche. La Versione 2.0 rilasciata nel 2012 è uno standard più tecnico e comprende tre tipi di contenuti – Linee guida e applicazioni, Norme per lo scambio di informazioni e standard di riferimento. Attualmente, stanno preparando la versione 3.0, che copre l’intero ciclo di vita degli edifici- dalla pianificazione e progettazione, attraverso la costruzione fino alle operazioni e sarà rilasciato alla fine del 2015. NBIMS mira a sviluppare uno standard di pieno consenso per il BIM.

(3) L’American Institute of Architects (AIA)AIA_logo

Al fine di fornire una guida per il settore edile su come utilizzare il BIM e altri dati digitali, l’American Institute of Architects (AIA) ha pubblicato i suoi primi documenti sui dati digitali nel 2007. Esso contiene due file:

AIA documento E201 ™ – 2007 Digital Data Protocol Exhibit che è un modello di accordo tra i vari professionisti e definisce le procedure che le parti dovrebbero seguire per quanto riguarda lo scambio di dati digitali.

C106 ™ -2007 Digital Data Licensing Agreement che è un accordo separato tra le due parti per concedere l’utilizzo dei dati digitali in licenza alla parte ricevente.

In conformità con l’uso crescente di BIM, l’AIA ha rilasciata il documento E202 ™ -2008 Building Information Modeling Protocol Exhibit nel 2008 per stabilire cinque livelli di sviluppo (LOD) di requisiti e di applicazioni del BIM.

(4) Altri enti pubblici

Il Department of Veterans Affairs (VA) e altre due organizzazioni non-profit, il National Institute of Standards and Technology (NIST) e l’Associazione di General Contractor (AGC), hanno anche loro pubblicato linee guida BIM individualmente. La v1.0 della Guida VA BIM è una guida BIM orientata al progetto. Esso definisce la visione delle informazioni nel ciclo di vita dell’edificio di VA, e introduce un piano di gestione e le metodologie di modellazione BIM. Nel 2007, il NIST ha individuato le necessità del settore edile per una guida allo scambio di informazioni tra le parti e quindi ha rilasciato General Buildings Information Handover Guide: Principles, Methodology and Case studies. Questa fornisce un orientamento primario sui concetti tecnologici, sulle definizioni e la metodologia di modellazione. La Guida presenta anche sei casi di studio sull’utilizzo di tecnologie avanzate BIM e i passaggi di consegne di informazioni che ne derivano. La guida del contraente BIM Edition 1 pubblicata da AGC ha lo scopo di aiutare gli appaltatori a capire come iniziare con la tecnologia BIM. Nel 2010, AGC ha rilasciato la seconda edizione della Guida BIM. BIMForum, un forum di AGC si concentrata sull’utilizzo della progettazione virtuale e costruzione nel settore AEC, ha pubblicato il suo primo standard BIM nel 2013, noto come livello Level of Development Specification Version 2013. Alla fine di aprile 2015, la bozza LOD 2015 è stata rilasciata per un commento pubblico. Le specifiche LOD sono state sviluppate nell’ambito di un accordo con l’AIA e utilizzate le definizioni fondamentali LoD dell’ AIA Document G202-2013 Building Document Information Modeling Protocol Form