Home Blog LOD: cosa vuol dire e a cosa serve?

LOD: cosa vuol dire e a cosa serve?

7206
0

lods

I progettti edili vedono coinvolte molte discipline diverse. Decidendo di procedere secondo una metodologia BIM, tutti gli attori coinvolti devono concentrarsi anche sulla qualità e trasferibilità dei dati. Nel coordinare la raccolta dei dati, diventa quindi fondamentale definire con chiarezza quali informazioni devono essere scambiate. Qui accenniamo alle esperienze UK e USA, che utilizzano una nomenclatura standard per definire i livelli di quantità/qualità dei dati.

Il termine LOD è per gli inglesi il ‘livello di definizione’ del modello architettonico BIM. Per gli americani, LOD è il ‘livello di sviluppo’ di un elemento del modello BIM.

Il livello di dettaglio di un BIModello aumenta man mano che il progetto procede, spesso si basa in primo luogo sulle informazioni esistenti, per poi sviluppare da un semplice modello concettuale un modello di costruzione virtuale dettagliato, quindi un modello operativo. Diversi aspetti del modello si possono sviluppare a velocità diverse, possono provenire da diversi membri del team di progetto, e il loro sviluppo può passare dal committente, ai consulenti, al contraente e fornitori e, infine, di nuovo al committente.

È importante, pertanto, che il committente definisca il livello di dettaglio che è richiesto in ogni fase di sviluppo del progetto. Questo non solo assicura che il progetto si sta sviluppando in modo sufficientemente dettagliato, ma garantisce anche che solo le informazioni effettivamente necessarie vengano sviluppate. Esso fornisce inoltre un’indicazione della fiducia che può essere riposta sulle informazioni.

L’eperienza Britannica

Il committente può definire il livello di definizione che è necessario nei Requisiti di Informazione del Committente (EIR – Employer’s Information Requirements), che fanno parte più in generale delle richieste del committente. I Requisiti di Informazione del Committente dovrebbero essere aggiunti al protocollo BIM, e inserito nei contratti.

Una sintesi del livello di definizione dei requisiti e delle responsabilità dello sviluppo del modello deve essere inserito nei processi di produzione e nelle Tabelle di consegna.

In UK, la direttiva PAS 1192-2 (Specifiche per la gestione delle informazioni per la fase di capitalizzazione / consegna dei progetti di costruzione che utilizzano il Building Information Modeling) definisce due componenti del livello di definizione:

  • Livelli di dettaglio del modello (LOD), che riguarda il contenuto grafico di modelli.
  • Livelli di informazioni del modello (LOI), che si riferisce al contenuto non grafico dei modelli.

In effetti, i due sono strettamente collegati come è normale che il contenuto grafico e non grafico si sviluppano uno accanto all’altro.

I livelli di dettaglio del modello e le informazioni sul modello sono generalmente definiti per le fasi chiave del progetto, in cui lo scambio di informazioni avverrà, consentendo al committente di verificare che le informazioni sul progetto siano in linea con le loro esigenze e consentendo loro di decidere se procedere alla fase successiva. Questo è analogo a un SAL (Stato Avanzamento Lavori) su un progetto convenzionale.

Ad oggi, non esiste una definizione standard che detti i tempi dello scambio informazioni o i livelli di dettaglio del modello e le informazioni sul modello. Chiaramente dovrebbero essere allineati ai punti di decisione del committente e devono essere coerenti a tutti gli appuntamenti. Questo perché si ritiene che varieranno a seconda della natura del progetto. Tuttavia, nel PAS 1192-2, alcuni orientamenti molto ampi vengono dati:

  • BRIEF: se un modello grafico esiste è probabile che sia stato sviluppato da un modello di informazioni dell’asset già esistente. Altre informazioni potrebbero riguardare edifici esistenti e strutture limitrofe. (ci potrebbe essere anche la programmazione dei requisiti).
  • CONCEPT: Il design grafico mostra volumetrie schematiche e simboli 2D per rappresentare elementi generici.
  • DEFINIZIONE: Gli oggetti si basano su rappresentazioni generiche, specifiche e attributi consentono la selezione dei prodotti.
  • DESIGN: gli oggetti sono rappresentati in 3D con la specifica allegata insieme alle informazioni sull’allocazione dello spazio per il funzionamento, l’accesso, la manutenzione, l’installazione e la sostituzione.
  • COSTRUZIONE E COMMISSIONI: oggetti generici vengono sostituiti con oggetti di produttori specifici, con le informazioni essenziali ri-collegate agli oggetti in sostituzione e le informazioni di produzione aggiunte.
  • CONSEGNA E CLOSE-OUT: Il modello rappresenta il progetto (as-built) come-costruito e tutte le informazioni necessarie sono incluse nella documentazione consegnata, inclusi libretti di manutenzione e la documentazione di funzionamento, requisiti di sicurezza e così via.
  • FUNZIONAMENTO: performance è verificata in relazione agli obblighi di informazione del committente e il brief di progetto e se sono necessarie modifiche, il modello viene aggiornato. Informazioni sulla manutenzione, date di sostituzione componenti, e così via possono essere aggiunte.

L’esperienza Americana

Anche l’American Institute of Architects (AIA) ha pubblicato un quadro LOD per il Protocollo AIA G202-2013 Building Information Modelling. Qui il LOD si riferisce al ‘livello di sviluppo‘ necessaria per i contenuti degli elementi del modello. Il termine ‘livello di sviluppo’ è utilizzato al posto del termine ‘livello di dettaglio’ in riconoscimento del fatto che un elemento visivamente molto dettagliato potrebbe infatti essere generico e nonostante le apparenze potrebbero essere a un basso livello di sviluppo del design.

L’AIA suggerisce che il quadro LOD riconosce che i diversi elementi del progetto si svilupperanno a ritmi diversi e… consente ai partecipanti al progetto di comunicare efficacemente tra di loro fino a che punto un elemento del modello è stato sviluppato … Permette ai partecipanti al progetto anche di comunicare la misura in cui un elemento di modello può essere utilizzato e invocata…

Lod

Il framework LOD definisce i seguenti requisiti di contenuto per gli elementi del modello:

  • LOD 100: Il modello Elementare può essere rappresentato graficamente nel modello con un simbolo o altra rappresentazione generica, ma non soddisfa i requisiti per il LOD 200. Informazioni relative all’elemento del modello (ad esempio, il costo per metro quadrato, il peso, ecc .) può essere derivato da altri elementi del modello.
  • LOD 200: l’elemento del modello è rappresentato graficamente all’interno del modello come un sistema generico, un oggetto o un assemblaggio con quantità approssimative, dimensione, forma, la posizione e l’orientamento. Possono anche essere collegate all’elemento informazioni non grafiche.
  • LOD 300: L’elemento del modello è rappresentato graficamente all’interno del modello come un sistema specifico, un oggetto, o l’assemblaggio in termini di quantità, di dimensioni, di forma, di posizione e orientamento. Informazioni non grafiche possono anche essere collegate all’elemento del modello.
  • LOD 400: L’elemento del modello è rappresentato graficamente all’interno del modello come un sistema specifico, assemblato o oggetto in termini di dimensioni, forma, posizione, quantità e orientamento con dettagli per la fabbricazione, l’assemblaggio, l’installazione e le informazioni. Informazioni non grafiche possono anche essere collegate agli elementi del modello.
  • LOD 500 L’elemento del modello è una rappresentazione verificata in cantiere in termini di dimensioni, forma, posizione, quantità e orientamento. Informazioni non grafico può anche essere collegato al elementi del modello.

Referenze:

AIA, Guide, Instructions and Commentary to the 2013 AIA Digital Practice Documents

BSI PAS 1192 2 2013