Home Lezioni Piano Esecutivo BIM Lezione 5: Sviluppo dello scambio informazioni

Lezione 5: Sviluppo dello scambio informazioni

1079
0

L’obiettivo di questa lezione è quello di presentare un metodo per definire lo scambio di informazioni (identificate nella lezione 4) tra i processi del progetto che sono cruciali per l’attuare con successo il BIM. Per definire questi scambi, la squadra ha bisogno di capire quali informazioni sono necessarie per “alimentare” ogni Uso BIM. Per facilitare questo compito, un foglio di lavoro per lo scambio informazioni deve essere progettato. Il foglio di lavoro di scambio informazioni dovrebbe essere completato nelle prime fasi di  un progetto, dopo la progettazione e la mappatura del processo BIM.

Il foglio di Lavoro per lo scambio di informazioni.

Dopo il processo di sviluppo della mappa, gli scambi di informazioni tra i partecipanti al progetto sono chiaramente identificati. E ‘importante per i membri del team e, in particolare, l’autore e il ricevitore di ciascuna operazione di scambio informazioni di comprendere in modo chiaro il contenuto informativo. La procedura per la creazione dei requisiti di scambio di informazioni è così composta:

1) Identificare ogni potenziale scambio di informazioni dalla mappa di processo di livello generale

Gli scambi di informazioni condivise tra due parti dovrebbero essere definiti. Un Uso BIM può avere più scambi; tuttavia, per semplificare il processo, solo uno scambio è necessario per documentare ogni uso. Inoltre, il tempo di scambio dovrebbe essere derivato dalla mappa di livello panoramico. Questo assicura che le parti coinvolte sanno quando sono attesi i deliverable BIM da completare lungo il programma del progetto. Quando possibile, gli scambi per l’Uso BIM devono essere elencati in ordine cronologico per dare una rappresentazione visiva della progressione del modello.

2) Scegliere una struttura di Ripartizione degli Elementi del Modello per il progetto

Dopo che il team di progetto ha stabilito gli scambi di informazioni, la squadra dovrebbe scegliere una struttura di scomposizione elementare del progetto.

3) Identificare i requisiti di informazione per ogni scambio (Output e Input)

Per definire ogni scambio di informazioni, le seguenti informazioni devono essere documentate:

  1. Ricevitore del Modello – Identificare tutti i membri del team di progetto che riceveranno le informazioni per effettuare un Uso BIM futuro. Queste parti sono le responsabili di compilare lo scambio di ingresso.
  2. Tipo di file del Modello – Elencare le specifiche applicazioni software, così come la versione che verrà utilizzata dal ricevitore per manipolare il modello durante ogni uso BIM. Questo è pertinente al fine di identificare qualsiasi interoperabilità che può esistere tra gli scambi.
  3. Informazioni – Identificare solo le informazioni necessarie per implementare l’Uso BIM. Durante questa fase diventa necessario un sistema di definizioni condiviso e standardizzato per identificare in maniera puntuale il grado di dettaglio e/o sviluppo delle informazioni contenute nel modello.

4) Assegnazione del responsabile delle informazioni necessarie

Ogni voce in uno scambio di informazioni dovrebbe avere un responsabile per la creazione delle informazioni. La responsabilità per la creazione delle informazioni deve spettare alla parte che le può produrre con il massimo livello di efficienza. Inoltre, il tempo di ingresso dovrebbe coincidere con quando ciò è necessario al ricevitore del modello, sempre in base alla mappa di processo generale. Il foglio di lavoro può essere ordinato anche in base a chi è la parte responsabile della determinazione dell’ambito di responsabilità di ogni deliverable BIM.

5) Confronto dei contenuti di input e di output

Una volta che gli obblighi di informazione sono definiti, è necessario che il team di progetto discuta gli elementi specifici in cui le informazioni di uscita non corrispondono alle informazioni di ingresso (richieste). Un esempio potrebbe essere una contraddizione tra un uscita del Modello di Design Authoring e un modello input di Analisi Energetica. In questo caso, potrebbe esserci bisogno di due potenziali azioni correttive:

  1. Correggere il Requisito di Uscita dello Scambio Informazione – rivedere le informazioni ad un livello superiore di precisione e / o includere ulteriori informazioni (ad esempio, aggiungere la trasmittanza delle pareti esterne); O
  2. Correggere il Requisito di Entrata dello scambio di informazioni – rivedere la parte responsabile in modo che le informazioni vengano scritte e “caricate” da chi esegue l’Uso BIM.