Home Lezioni Lezione 19: Diffusione BIM Top-Down, Bottom-Up e Middle-Out

Lezione 19: Diffusione BIM Top-Down, Bottom-Up e Middle-Out

Lezione 19 - Modulo 02

877
1

Nel discutere la diffusione del BIM all’interno di un’organizzazione (micro) o attraverso l’intero mercato (macro), appaiono solitamente due espressioni: “top-down”, cioè dall’alto al basso, e “bottom up”, cioè verso l’alto.

La diffusione TOP-DOWN è spinta dalle autorità per realizzare l’adozione di una soluzione specifica che percepisce come preferibile. Un buon esempio di una dinamica BIM macro top-down è il mandato di Livello 2 del BIM degli UK e la realizzazione in atto della pietra miliare BIM di Singapore. Al livello macro, la diffusione top-down avviene quando la gestione superiore dell’organizzazione (indipendentemente dalla dimensione e locazione nella catena di approvvigionamento) richiede l’adozione di soluzioni specifiche. Tramite queste – a volte obbligatorie – pressioni, le soluzione cominciano a diffondersi al di sotto nella catena di autorità e – se completate con educazione ed incentivi – vengono adottate.

La diffusione BOTTOM-UP si riferisce all’ampia adozione di tecnologie, processi e strategie senza una richiesta obbligatoria. Al livello macro, avviene quando le piccole organizzazione o quelle vicino al fondo della catena di approvvigionamento/autorità adottano una soluzione innovativa o un nuovo concetto; la soluzione lentamente diventa una pratica comune; e gradualmente si diffonde in alto nella catena di approvvigionamento/autorità (come nel caso dell’Australia). Allo stesso modo nel livello micro, la diffusione bottom-up avviene quando gli impiegati vicini al fondo della catena di autorità introducono una soluzione innovativa e – col tempo – questa soluzione viene riconosciuta e adottata dalla gestione intermedia e superiore.

Sebbene queste due dinamiche sono facilmente distinguibili, una terza dinamica giace nascosta in bella vista : il modello di diffusione “Middle-out”.

La diffusione MIDDLE-OUT si applica a tutte le organizzazioni e gli individui che occupano lo spazio mediano che separa il ‘ fondo ‘ dal ‘top’. A livello organizzativo micro, team manager, capi reparto e responsabili di linea spingono quello che hanno personalmente adottato su e giù per la catena di autorità. A livello macro del mercato , la dinamica middle-out si applica quando le organizzazioni di medie dimensioni (rispetto al mercato – ad esempio i grandi appaltatori negli Stati Uniti) influenzano le adozioni di organizzazioni più piccole lungo la catena di approvvigionamento. Inoltre influenzano o incoraggiano attivamente le organizzazioni più grandi e le associazioni e gli enti a monte della catena di approvvigionamento/autorità per l’adozione e, infine, la standardizzazione della loro soluzione.

Macro-Diffusion-Dynamics 19

Fig. 1. Modello Macro delle Dinamiche di Diffusione

Diverse organizzazioni e mercati mostrano una dinamica più dell’altra a causa delle differenti variabili sociali e di mercato. Tuttavia la diffusione delle dinamiche top-down, bottom-up e middle-out sono complementari se non reciprocamente inclusive. Pensare che una dinamica può essere migliore dell’altra è sbagliato. Sebbene c’è una qualche evidenza che la dinamica top-down incoraggi un tasso di adozione più rapido nel mercato o nell’organizzazione, non c’è alcuna prova – chiacchere twitter e LavaggioBIM a parte – che questa porti ad una infusione costante dei flusso di lavoro e dei prodotti BIM.

Un particolare ringraziamento va a Bilal Succar, blogger BIM ThinkSpace che ci ha autorizzato alla traduzione e pubblicazione dei suoi post. Traduzione di Miriam Nissim e Lorenzo Nissim.