Home Lezioni Lezione 18: Confrontare la Maturità BIM degli stati

Lezione 18: Confrontare la Maturità BIM degli stati

Lezione 18 - Modulo 02

1017
0

Quale paese guida il mondo sull’adozione BIM? Singapore, gli UK o gli Stati Uniti? Forse l’ Australia o uno dei team della Scandinavia?

Per i professionisti impegnati, questo argomento è irrilevante… Infatti, perché dovrebbe interessarci quale paese è BIM-maturo, in BIM-maturazione o BIM-infante? Il BIM non è uno sport nazionale, ed ogni sviluppo che conta in un paese sorpasserà prima o poi i confini digitali e raggiungerà gli altri stati… no? Ma per gli assessori, i ricercatori, gli ideatori di politica e gli identificatori BIM, la maturità BIM dei paesi è in realtà molto utile. Se eseguita a dovere, la maturità BIM di un paese evidenzia cosa è stato ottenuto, cosa ancora manca e cosa può essere appreso dagli altri.

Ma come misuriamo la Maturità BIM dei paesi?

Facciamo affidamento sul punto di vista personale delle figure pubbliche che posizionano il loro paese come leader globale BIM? Ci fidiamo delle figure di vendita di sviluppatori software che confrontano il tasso di adozione dei vari paesi o possiamo ingoiare i grafici a torta di indagini di settore a impronta commerciale?

Queste domande – a cui bisognerebbe rispondere con no, non proprio e forse, rispettivamente – hanno incoraggiato a investire alcuni sforzi collaborativi in investigazioni su tale argomento. Mentre ancora deve essere fatto molto lavoro, sono stati identificati due insiemi di metriche da testare. Il primo insieme si concentra sulla valutazione del tipo di conoscenza BIM che viene pubblicata nei diversi paesi, mentre la seconda valuta la disponibilità/tipologia di educazione BIM che ogni paese offre.

Per istigare una discussione con professionisti di simile mentalità, verranno presentate queste metriche in forum internazionali. Inoltre, per invitare la collaborazione con altri ricercatori (sia dall’industria che dall’accademia), saranno pubblicati degli articoli accademici per chiarificare le metriche proposte e permettere agli altri di analizzarle/migliorarle. Il primo articolo da pubblicare è intitolato “Un approccio proposto per confrontare la Maturità BIM degli stati”. Ricopre il primo insieme di metriche che riguardano le tipologie di conoscenza BIM – di seguito un estratto:

Estratto: ”I concetti e gli strumenti BIM hanno, fino ad ora, proliferato attraverso l’industria delle costruzioni. Questo è evidenziato dai risultati di confronto dei tassi di adozione BIM riportati attraverso un numero di sondaggi industriali. Tuttavia questi sondaggi tipicamente ricoprono un piccolo numero di stakeholder dell’industria; sono intesi per stabilire i tassi di adozione delle organizzazioni piuttosto che dei mercati e non sono supportati da quadri di lavoro teorici per guidare l’analisi e la raccolta di dati. Sulla base dei quadri di lavoro teorici pubblicati, questo giornale propone tre metriche per aumentare i dati di sondaggio ed aiutare a stabilire la maturità generale dei paesi. Questi parametri si applicano alle pubblicazioni BIM notevoli (NBP) e valutano il loro contenuto di conoscenza BIM (BKC). Gli NBP sono documenti del settore pubblicamente disponibili allo scopo di favorire l’adozione BIM; mentre i BKC sono etichette specializzate (ad esempio rapporto, manuali e contratti) utilizzati per descrivere i contenuti NBP. I tre parametri – NBP di disponibilità , NBP di distribuzione dei contenuti , e NBP di pertinenza – sono applicati nella valutazione dei risultati finali della conoscenza di tre paesi – Stati Uniti, Regno Unito e Australia – scelti per la loro cultura simile e la costruzione attiva della scena BIM. Il documento poi illustra come questi parametri complementari possono contribuire allo sviluppo di politiche ed individuare le lacune di conoscenza a livello di mercato”

 

Un particolare ringraziamento va a Bilal Succar, blogger BIM ThinkSpace che ci ha autorizzato alla traduzione e pubblicazione dei suoi post. Traduzione di Miriam Nissim e Lorenzo Nissim.