Home Blog Introduzione alle figure professionali BIM

Introduzione alle figure professionali BIM

7359
0
cosa vuol dire profilo professionale e figura professionale

Cos’è una figura professionale?

In questo articolo si proverà a fare un po’ d’ordine dei concetti e definizioni all’interno di un tema BIM oggi molto dibattuto: le figure professionali.

Cominciamo con il definire il concetto di “Figura professionale”.

Va per prima cosa detto che “Figura professionale” non è sinonimo di “Professionista” , quindi non vuole dire “Lavoratore autonomo”.

Una “Figura professionale”, nell’ambito del management e gestione risorse umane, è un lavoratore che ricopre una certa mansione, cioè una risorsa capace di svolgere una particolare e ben definita attività (o gruppo di attività). E’ una denominazione, un “etichetta”.

Il “Profilo professionale” è un insieme di competenze che la figura professionale deve possedere per poter svolgere l’attività richiesta.

Una certa “Figura professionale” può essere ricoperta sia da un libero professionista, che da un lavoratore dipendente e in alcuni casi addirittura da una azienda (composta comunque da persone).

Riassumendo:

  • Ho bisogno di svolgere delle attività (mansione)
  • Per svolgere quelle attività sono necessarie delle competenze (profilo professionale)
  • Chi possiede le competenze è il lavoratore che cerco (figura professionale)

Perché c’è il bisogno di definire una figura professionale?

Definire un profilo professionale permette di esprimere il punto di riferimento e di incontro tra chi è in grado di offrire certe competenze e chi domanda quelle competenze.

Dal punto di vista di un lavoratore (libero professionista o dipendente), potersi identificare in una specifica figura professionale, permette di far riconoscere le proprie capacità rispetto a chi non è ha. Aiuta a comunicare all’esterno cosa si è in grado di fare.

Dal punto di vista di un committente o un datore di lavoro, sapere che la risorsa che si sta per “ingaggiare” risponde a un certo profilo professionale, è sinonimo di effettiva capacità a portare a termine il lavoro, e quindi di garanzia.

Come è fatta una figura professionale?

La “Figura professionale” viene definita in termini di competenze e requisiti di aggiornamento.

Le competenze* si possono suddividere in:

  • conoscenze (tipicamente quelle acquisite con titoli di studio ma anche quelle acquisite in ambiti informali e non formali);
  • abilità (essere capaci di fare qualcosa di pratico, esperienze acquisite “sul campo”);
  • capacità personali (cultura, carattere, lingue parlate, ecc).

I requisiti di aggiornamento, sono le procedure attraverso il quale il lavoratore acquisisce le nuove competenze necessarie a rispondere ai nuovi bisogni che emergono nel proprio ambito di lavoro.

*a seconda del contesto regionale, nazionale o internazionale 
possono essere usati termini e definizioni diversi e,
a volte, purtoppo, contrastanti.

Quali sono le figure professionali BIM?

Il BIM da approccio teorico si è recentemente trasformato in un approccio reale, pratico e concreto. Bisogna però considerare che nonostante questo sia un passo decisivo verso la digitalizzazione del settore, non esiste ad oggi un paese che abbia completato il processo di transizione. Per questo non esistono ancora dei profili professionali ben definiti e concordati per le nuove figure professionali dell’industria delle costruzioni 4.0.

Infatti se domanda e offerta di professionalità non convergono, risulta difficoltoso, e sicuramente inutile, definire una qualsiasi figura professionale.

Quando parliamo di figure professionali per l’industria delle costruzioni digitale, stiamo parlando di utilizzare strumenti informatici hardware e software, gestire grosse moli di dati, concordare protocolli di collaborazione e definire i responsabili degli scambi informativi, stabilire sistemi di denominazione e classificazione delle informazioni, ecc.. Tutte queste, sono attività svolgibili tramite competenze che oggi non sono diffuse nel settore delle costruzioni (sia dal lato della domanda che dal lato dell’offerta dei servizi).

IBIMI nasce con la missione di supportare e tutelare le figure professionali necessarie per la digitalizzazione dell’industria edile. Associazione aperta e democratica, IBIMI favorisce l’incontro tra i grandi committenti, le imprese e i professionisti attivi nel BIM allo scopo di stabilire le esigenze del mercato e definire percorsi formativi e di qualifica professionali.

IBIMI è riconosciuto dal Ministero dello Sviluppo Economico come associazione di professionisti BIM ai sensi della legge 4/2013.

Percorsi formativi dei professionisti BIM

buildingSMART, associazione mondiale leader nella promozione del BIM attraverso lo sviluppo e il supporto all’implementazione di standard internazionali, fornisce una guida per la formazione di base per tutti gli operatori del settore delle costruzioni.

Il programma di qualificazione di buildingSMART non è rivolto a formare un professionista BIM specializzato, ma a condividere i concetti e la terminologia fondante il BIM tra tutti i professionisti coinvolti direttamente o indirettamente dalla digitalizzazione del settore.

buildingSMART supporta gli enti di formazione nel definire programmi di formazione di qualità e allineati alle più recenti normative internazionali e mette a disposizione una piattaforma online per la valutazione finale delle conoscenze acquisite da parte dei partecipanti al corso.

Scopri quali sono gli enti che erogano corsi buildingSMART

I professionisti che superano il test di valutazione finale ottengono l’attestato di qualificazione internazionale buildingSMART e sono inseriti nei registri pubblici dell’ente.

Consulta il registro dei professionisti qualificati buildingSMART

IBIMI è il capitolo italiano di buildingSMART e si occupa del riconoscimento degli enti di formazione in Italia.