Iniziative della Commissione Europea per l’implementazione del BIM in EU

Iniziative della Commissione Europea per l’implementazione del BIM in EU

104
0
SHARE

Il 25 Giugno a Bruxelles si è svolta la Conferenza ‘BIM e la performance energetica nella costruzioni’, organizzata da Qualicheck, alla quale IBIMI ha partecipato.

Durante la conferenza si è fatto luce sul posizionamento del BIM a livello Europeo ed internazionale.

Questo è un momento chiave di cambiamenti per il panorama del settore edile nell’Unione Europea. Secondo quanto spiegato da Lutz KÖPPEN, responsabile delle Clean Technologies & Products alla Commissione Europea, il bisogno di crescita economica, efficienza di risorse, budget ridotti e infrastrutture che invecchiano sono grossi ostacoli però superabili con l’innovazione digitale.

L’importanza dell’adozione delle nuove tecnologie già disponibili è globalmente riconosciuta, eppure il settore edile è ancora tra quelli meno digitalizzati. La Commissione Europea si dice pronta a far partire una vera e propria ‘rivoluzione digitale’. Seppure l’inizio è stato piuttosto lento, il BIM sta gradualmente cominciando ad essere adottato da settori differenti della filiera in Europa, in quanto strumento strategico per l’innovazione del settore, ma spetta ai politici di incoraggiarne l’implementazione, soprattutto nelle zone dove le sfide sono maggiori.

Koppen parla delle iniziative intraprese specificamente dalla Commissione per spronare all’adozione del BIM nel settore, seguendo un programma diviso in cinque punti principali:

–              Supporto agli appalti pubblici, che – a seconda dei paesi – può comprendere tra il 30 ed il 50% delle costruzioni interne totali del paese, introducendo anche strumenti di comunicazione digitale tra gli anelli della filiera.

–              Creazione del gruppo EU BIM Task Force (www.eubim.eu), che include stakeholder pubblici di quasi tutti i Paesi Membri ed offre modo di scambio riguardante l’approccio al BIM e come introdurlo nel settore pubblico e nelle politiche nazionali. Un handbook è disponibile già sul sito e può essere scaricato in diverse lingue gratuitamente. A questo link potete trovare la versione italiana (http://www.eubim.eu/handbook-selection/italian-handbook/).

–              Altra iniziativa importante è quella di incoraggiare le Piccole e Medie Imprese (SMEs), a divenire attori attivi nella digitalizzazione dell’edilizia, grazie anche ad una condivisione più chiara di informazioni, anche riguardanti benefici economici. La commissione sta portando avanti uno studio, infatti, su come agevolare il passaggio delle SMEs al BIM.

–              Supporto ad attività orizzontali, come per esempio la standardizzazione. La Commissione sta collaborando attivamente con L’Organizzazione per la Standardizzazione Europea (CEN) che sta portando avanti uno studio con una propria commissione tecnica circa la possibilità della standardizzazione del BIM. La maggior parte dell’attività del CEN sono in collaborazione con la ISO, attraverso l’accordo di Vienna, che prevede di lavorare congiuntamente su tematiche di reciproco interesse.

–              Più recentemente, la Commissione ha cominciato a valutare l’introduzione di una piattaforma digitale comune per la costruzione. Durante la conferenza stessa, Koppen ha annunciato che l’invito a presentare proposte che sarà aperto da Luglio 2018 e chiuso per la fine dell’anno. Ciò avrà lo scopo soprattutto di comprendere e a valutare se il bisogno di questa piattaforma è reale e quali potrebbero essere gli eventuali sviluppi. IBIMI intende monitorare questa attività a beneficio dei propri soci.

–              Un altro punto menzionato, è stato quello della creazione del momentum, tramite partecipazione e organizzazione di conferenze, per far sì che i differenti attori nei settori interessati si ritrovino insieme a discutere sul BIM e su quanto potrebbe essere sviluppato in futuro. A questo proposito la Commissione ha creato un gruppo, High Level Group of Construction, dove rappresentanti di diversi gruppi si ritrovano a discutere di digitalizzazione, oltre che di altri argomenti. Questo il sito di riferimento: https://ec.europa.eu/growth/sectors/construction/competitiveness_it

–              Infine, l’associazione a progetti di ricerche innovative, come Horizon2020, per far sì di assicurare solidi background di ricerca ai progetti nascenti sulla digitalizzazione. A tal proposito è stato nominato come esempio anche il progetto net-UBIEP (www.net-ubiep.eu), coordinato dal Presidente Anna Moreno come project manger ENEA.