Home Blog Requisiti Informativi della Committenza (EIR)

Requisiti Informativi della Committenza (EIR)

1460
0
men with pen on questionnaire. 3d
men with pen on questionnaire. 3d
men with pen on questionnaire. 3d

Continuiamo a guardare alla norma inglese PAS 1192-2, oggi ci concentreremo su un documento che qui in Italia non esiste, cioè i requisiti informativi del committente.

Una volta capito che le informazioni di un immobile sono un asset di elevato valore durante le fasi di gestione dell’immobile/impianto/infrastruttura, viene da se l’importanza di stabilire, a monte del processo di progettazione e costruzione, quali informazioni “noi” committenti riteniamo utili.

L’EIR, è un documento di pre-gara che definisce le informazioni da consegnare, oltre alle norme e procedure che devono essere adottate dal fornitore durante il processo di consegna. Queste richieste sono parte integrante del progetto.

La norma PAS 1192-2 formalizza e rende esplicite le pratiche di gestione delle informazioni già esistenti ed osservate nei progetti di costruzione nel Regno Unito. E’ infatti un obiettivo esplicito del governo del Regno Unito che il livello 2 BIM abbia un impatto minimo sui metodi contrattuali esistenti. Chiaramente la norma, nel momento in cui dovesse essere importata anche in Italia, necessariamente dovrà passare dal confronto con le pratiche Italiane (in procinto di essere stravolte dal nuovo codice degli appalti che ad oggi attende ancora la delega dei poteri legislativi al governo).

La definizione dello scambio di informazioni e delle esigenze di lavoro collaborativo devono essere stabilite in parallelo con le altre attività di definizione del progetto. Le esigenze di scambio informazioni e di lavoro collaborativo sono descritti nelle EIRs, che sono quindi parte di più ampi requisiti e volontà del committente. Questi dovranno poi essere a loro volta integrati nel piano di esecuzione del progetto dei vari partecipanti al progetto.

I contenuti del EIRs sono quindi definiti dal committente e abbinati a dei punti di controllo/decisione che coincidono con le fasi di progetto.

La responsabilità della consegna delle informazioni, in linea di principio spetta al committente che poi scarica le responsabilità ai team di progettazione e/o costruzione come risulta più adeguato. L’assegnazione di queste responsabilità devono essere specifiche per il progetto e documentate nei contratti.

I requisiti informativi devono essere specifici, misurabili, raggiungibili, realistici e con scadenze temporali, per definite fasi di progetto e scambi d’informazione.

Contenuti

L’EIR comprende, come minimo, i seguenti contenuti:

Gestione delle informazioni:

  • livelli di dettaglio – cioè i requisiti delle informazioni che vanno consegnate a stadi di progetto definiti. Ciò è necessario per popolare e consegnare il modello secondo quanto richiesto ai sensi del protocollo;
  • esigenze di formazione – non necessariamente obbligatorie;
  • pianificazione del lavoro e della conservazione dei dati – requisiti delle proposte per la gestione del processo di modellazione (ad esempio gestione del modello, le convenzioni di denominazione, etc.);
  • coordinamento e rilevamento interferenze (clash detection) – requisiti delle proposte per la gestione del processo di coordinamento;
  • processo di collaborazione – i requisiti delle proposte per la gestione del processo di collaborazione;
  • scheda requisiti per la sicurezza e integrità del progetto;
  • scheda con la specifica di tutte le informazioni che devono essere escluse o incluse nei modelli;
  • scheda con i vincoli particolari impostato dal committente come la dimensione del file di modello, la dimensione dei caricamenti extranet o e-mail, o i formati dei file che possono definire le dimensione volumetriche;
  • la definizione di qualsiasi punto 0 / sistema di coordinate (3 dimensioni) che il committente richiede siano utilizzati nei modelli grafici, ad esempio coordinate geospaziali e posizione rispetto ad una origine concordata;
  • una scheda di tutti i formati dei software, indicando anche il numero di versione, che possono essere utilizzati dai fornitori nel consegnare il progetto;

Gestione commerciale:

  • Scambio di informazioni – allineamento dello scambio di’informazioni con fasi di lavoro, obbiettivi e formati richiesti;
  • Obbiettivi strategici della committenza – dettaglio degli obbiettivi attesi dalle informazioni contenute nei modelli;
  • Una “inizio” di matrice delle responsabilità che assegni la responsabilità del modello, o della produzione delle informazione, alle varie discipline, in linea con le fasi del progetto definite;
  • Indicare degli standard e dei documenti guida utili a definire i processi BIM e i protocolli da usare nel progetto;
  • Segnalazione di qualsiasi cambiamento dei normali ruoli, responsabilità, gerarchie e competenze stabiliti nei contratti;

Valutazione delle competenze:

  • Dettaglio della valutazione delle competenze a cui i fornitori dovranno rispondere;
  • Cambi associati alla valutazione delle offerte
  • Dettaglio dei criteri di valutazione per l’offerta BIM